Sassi nelle tasche di Gabriele Sandri

0
69

Leggevo stamani sul sito di Repubblica.it la ricostruzione definitiva, fatta dalla scientifica sulla tragedia avvenuta domenica mattina, nell’area di servizio di Badia al Pino sulla A1, che ha visto vittima Gabriele Sandri colpito al collo da un proiettile esploso dal poliziotto Spaccarotella.

Sembra che Gabriele insieme a altri 8 amici (di cui 1 donna e 7 uomini) abbia aggredito un gruppo di tifosi della Juventus, partiti anche loro da Roma, in viaggio verso Parma, armati di sassi, coltelli e fibie, riconosciuti, a quanto pare, solo perchè uno di loro indossava una felpa con la scritta Juventus, e parlavano di calcio.

Risultato: per fortuna i tifosi juventini, appena si son resi conto di quello che stava per succedere, si son dati alla fuga, anche se  non hanno potuto evitare la furia dei tifosi laziali, che si è abbattuta sull’autovettura (lunotto anteriore sfondato, come quello posteriore destro, la carrozzeria rientrata in più punti)

Beh senza scadere nel più becero accanimento, se questi sono i bravi ragazzi che dobbiamo piangere, sinceramente…. siamo proprio messi male…

PS. Questo non vuol dire che non mi dispiaccia, resta comunque una tragedia, a nessuno si dovrebbe augurare mai la morte, men che meno, quando si parla di una cosa che dovrebbe essere “leggera” come il calcio.