Il Garante per la privacy, avvia una consultazione sull’uso dei cookie

0
152

internet-cookies

Tutti gli utenti di internet potranno presto decidere in maniera libera e consapevole se far usare o no le informazioni sui siti visitati per ricevere pubblicità mirata. 

L’Authority ha avviato una consultazione pubblica diretta a tutti i gestori, grandi e piccoli, dei siti e alle associazioni maggiormente rappresentative dei consumatori con l’obiettivo di acquisire contributi e suggerimenti.

La consultazione avviata dal Garante della privacy, si concluderà entro 90 giorni dalla pubblicazione del provvedimento sulla Gazzetta Ufficiale. Le proposte relative all’informativa semplificata potranno essere inviate all’Autorità per posta o in via telematica alla e-mail consultazionecookie@gpdp.it. Il Garante si è riservato di valutare anche eventuali proposte che potrebbero pervenire da università e centri di ricerca.

I cookie sono quei piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell’utente e dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. Sono spesso usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni riguardanti la navigazione on line, ma anche per archiviare e studiare le abitudini di navigazione degli utenti.

Con le nuove regole europee – spiega l’Autorità – i cookie “tecnici” possono essere utilizzati anche senza consenso, ma rimane naturalmente fermo per i gestori dei siti l’obbligo di informare gli utenti della loro presenza in maniera il più possibile semplice, chiara e comprensibile.

É obbligatorio invece – sottolinea l’Autorità – il consenso preventivo e informato dell’utente per tutti i cookie “non tecnici”, quelli cioè che, monitorando i siti visitati, raccolgono dati personali che consentono la costruzione di un dettagliato profilo del consumatore.

I gestori dei siti non potranno più, dunque, installare cookie per finalità di marketing sui terminali degli utenti senza averli prima adeguatamente informati e aver acquisito un valido consenso.