Quando il DRM si fa esasperato

0
125

Leggevo stamani un articolo, in cui si parla di Assassin’s Creed 2, gioco prossimamente in uscita per piattaforme PC, e della sua protezione contro la pirateria, il cosiddetto DRM. Bene, quello che ne viene fuori è a dir poco incredibile, praticamente il gioco ORIGINALE, richiede una connessione stabile e costante con il server Ubisoft, sia per i salvataggi dei progressi di gioco (che non saranno quindi più su pc locale) e sia per il suo normale funzionamento.

Quindi per poter giocare anche in single player, il vostro computer dovrà essere collegato a internet, e non solo, infatti se malauguratamente la vostra connessione fa le bizze, il gioco si bloccherà finchè non sarà tutto risolto, stessa cosa se i server Ubisoft dovessero avere qualsiasi tipo di problema, vuoi per sovraccarico o semplice manutenzione.

Insomma, nell’estenuante e esasperata lotta alla pirateria, Ubisoft finisce (come hanno già fatto altre software house in un passato recente) per penalizzare gli utenti onesti, considerato che molto probabilmente la pirateria potrebbe trovare “una soluzione” a tutto ciò rendendo paradossalmente, l’esperienza di gioco per chi non l’ha acquistato, molto più “gratificante”.