Online il nuovo sito di Roberto Saviano

3
266

E’ online da qualche ora, il nuovo sito web di Roberto Saviano, realizzato con contenuti aggiornati in tempo reale dallo stesso scrittore, e comunicare così con i lettori senza filtri di sorta.

Il sito offre ampie sezioni che riguardano film, opere teatrali e progetti che hanno preso spunto e ispirazione dai suoi scritti, ma si possono anche leggere gli articoli dello scrittore e consultare la rassegna stampa a lui dedicata, suddivisa per tematiche.

Il sito risulta molto gradevole da navigare, e con una grafica pulita e accattivante, seppur abbastanza semplice. Sul sito troverete i contatti Facebook e MySpace per contattare direttamente Roberto Saviano, o semplicemente commentare le notizie.

www.robertosaviano.it

  • barbara

    Ciao a tutti,
    vorrei avere un contatto con Saviano, ho da raccontarli una serie di fatti personali che sicuramente potrebbero interessarli.

  • blasius

    Basta i privilegi della Casta (di Carmine Saviano): “Piazza Pulita”. Scenderanno in piazza il 10 e l’11 settembre. Per dar voce alle “ragioni dei cittadini indignati che vogliono dire basta ai privilegi della Casta”. ….///.

    Inoltro quanto di un mio collega, previa autorizzazione
    – Perché attendere il 10-11 settembre ?
    Io proporrei un bell’incontro preliminare in una unica sede: 15 Agosto in Roma capitale,giorno dell’Assunzione della Santa Beata Vergine Maria, sacra testimonial a benedire un popolo agonizzante, vittima dei demoni del potere, assetati del suo sangue.
    Che bella cosa sarebbe!? La presa pacifica di Roma, mentre la Casta potestade in piena goduria delle proprie sospirate ferie.
    Che bella cosa sarebbe non farli ritornare a rioccupare le proprie poltrone!?
    Forza, forza ragazzi non mollate; voi non siete deboli, siete solo oppressi e privati di tutto. E’ questo potere che vi tiene così. Dovete reagire, bisogna reagire, dobbiamo reagire. Non fuggite, non disertate, non sgombrate il campo. Impegnate la vostra genuina risorsa nella vostra patria. All’inizio è dura: bisogna forse sacrificarsi ancora, ma insieme è possibile rimuovere questa coltre “sporca”, non da noi generata. Portiamo in Piazza le proprie famiglie, i propri figli, i bambini. Sì particolarmente i bambini a cui regaleremo dei palloncini “azzurri”, come il cielo sereno, come l’inizio di una nuova libertà.
    Applichiamo la regola del 10. Ognuno di noi deve coinvolgere 10 persone come obiettivo e portarlo in piazza, e così a catena. Se ci riusciamo abbiamo raggiunto il personale primo obiettivo.
    Prevedo “un autunno caldo” e un augurio di fine anno ai soliti noti privilegiati in particolare, tale “da non poter mangiare il panettone e brindare con lo spumante ”, ma ingoiare bocconi amari e rigurgiti di fiele! Bene inteso, auguro sempre loro buona salute. Perché il nuovo stato ha bisogno di gente in carne, di buona salute appunto. La nuova società Italia utilizzerà ben volentieri quelle braccia e le utilizzarle per il riordino e ripristino del precedente mal operato.
    Occorre analogamente riprendersi anche il maltolto.
    Venuta così: Garibaldi sbarcò da Quarto (Liguria) a Marsala (Sicilia) ed ebbe così , in campo, la reale costruzione dell’Italia. Oggi non sono sicuro che l’uomo del “riordino” possa venire dal nord.
    Sono invece sicuro che proprio dal sud potrebbe partire il primo esempio del “cambiamento”: con moderazione, determinazione, similitudine, armonia, pace e rispetto dell’uomo.
    Noi siamo la parte degna dell’Italia.
    Abbracci

  • giancarlo cori

    a 53 anni ne ho viste molte nella vita, ma non ho perso la speranza di saper che la vita non può esser solo gestita dal potere di un certo sistema, cerco di combatterlo con tutte le mie forze pagando spesso di persona, ho provato più volte a combattere il sistema.
    Voglio credere che anche tu non sia nel sistema, per sapere che anche i miei figli potranno sperare in un futuro.
    con questo spero di poterti incontrare un giorno per sapere se puoi essere la voce di contrasto a tutto il sistema.
    le mafie non sono solo quelle classiche nel loro mondo e come lo hai descritto chiaramente ieri nella trasmissione di Fazio alla conquista della Lombardia, ma Roma con i suoi palazzi ormai è stata conquistata ma nessuno ne parla.
    Potrei esserti utile per aiutarti a dar voce per contrastare il sistema che nessuno parla.